Torta speziata con pere al vino. Sapori (quasi) invernali di frutta secca e vin brûlé.

Torta speziata con pere al vino. Sapori (quasi) invernali di frutta secca e vin brûlé.

Una torta che è un inno all’autunno, e che ci traghetta quasi alla stagione invernale, fatta di frutta secca, spezie e vin brûlé.

TORTA_PERE_AL_VINO
Il colazionista mette da parte per un momento le torte da preparare in dieci minuti e con una solita ciotola, per dedicarsi a una torta più complessa e articolata: la classica torta della (colazione della) domenica, come quelle che vi avevamo raccontato per celebrare compleanni & co.

La base è una classica torta con frutta secca; la ricetta prevedeva tutte noci, noi abbiamo fatto un mix di nocciole, noci e mandorle – con un ottimo risultato di gusto -; voi potete anche usare solo nocciole (per una classica torta di nocciole piemontese, solo più speziata) e con l’accortezza di usare pane (o cracker/fette biscottate) senza glutine, è perfetta anche per gli intolleranti al frumento.

TORTA_PERE_AL_VINO_2
Vi consigliamo di preparare pere, sciroppo e base il giorno prima e assemblarla all’ultimo con la crema di mascarpone e ricotta.
Questa volta è davvero difficile dire se la torta sia più bella o più buona.

ingredienti
zucchero semolato 400 g
birbet, brachetto o vino rosso dolce ½ l
anici stellate 2
cannella 1 pezzo
pere piccole (tipo coscia o martin sec) 3

frutta secca mista (noci, mandorle, nocciole) 225 g
pane raffermo 50 g
lievito chimico 1 cucchiaino
cannella in polvere ½ cucchiaino
chiodi di garofano 1
anice stellata 1 pezzo
uova medie 3
zucchero semolato 110 g
burro sciolto 90 g

mascarpone 200 g
ricotta vaccina 200 g
zucchero a velo 1 cucchiaio abbondante

preparazione
Pelare le pere e metterle da parte. Far scaldare il vino in una pentola con lo zucchero, la cannella e l’anice stellata, quando raggiunge il bollore, unire le pere e lasciare sobbollire per circa 20 minuti. Spegnere, lasciando le pere nel liquido.

Accendere il forno statico a 180°. Tritare la frutta secca con il pane in un mixer fino ad avere la consistenza di una farina. Pestare nel mortaio o nel mixer il chiodo di garofano con l’anice stellata. Dividere gli albumi dai tuorli e montare questi ultimi per qualche minuto fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso; aggiungere la farina di frutta secca e briciole di pane, il lievito, le spezie in polvere e il burro sciolto. Montare a neve ferma gli albumi e unirli al composto, il lievito e versare in una teglia con bordo apribile imburrata e infarinata e far cuocere per 30/35 minuti, facendo la solita prova dello stecchino per verificarne la cottura; far raffreddare su una gratella. Togliere le pere dal liquido e farlo cuocere per circa 10 minuti; fare raffreddare.

Passare al setaccio la ricotta e amalgamare al mascarpone e allo zucchero a velo.
Montare la torta, versando il composto di mascarpone e ricotta sulla base, posizionare le pere cotte, la cannella e le anici stellate e rifinire con lo sciroppo di vino.

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*