Tokyo e la colazione più ‘kawaii’ che ci sia

Tokyo e la colazione più ‘kawaii’ che ci sia

L’idea per questo post mi è venuta da una pagina del blog di Laura Imai Messina: Giappone Mon Amour che tutti i ‘Japan addicted’ italiani (come il sottoscritto) dovrebbero leggere e conoscere; lei, italiana, vive da molti in Giappone dove insegna in università ed è particolarmente brava a raccontare il Giappone da perfetta insider senza però mai abituarsi troppo a quel mondo e trasferendo nel blog quello stupore che colpisce gli stranieri quando scoprono per la prima volta il Giappone.

KAWAI3Il post è dedicato ad un locale che, se andate a Tokyo per le prossime vacanze (quando ci ritorno sarà il primo posto dove farò colazione), non potete non visitare; a metà tra casa di legno sugli alberi e casetta-fungo dei Puffi®, questo caffè – che conta tre sedi in due dei quartieri più suggestivi di Tokyo, Kichijoji e Kōenji  – rappresenta molto bene il concetto giapponese di kawaii, che può essere tradotto in italiano come “carino”, “amabile”, “adorabile”.

KAWAI
Come racconta WikipediaA partire dall’inizio degli anni ottanta il termine indica anche una serie di personaggi fittizi di manga, anime, videogiochi o altro, e gli oggetti loro collegati all’interno del contesto della cultura giapponese. […] Qualcosa di kawaii non deve essere soltanto “carino”, ma anche piccolo, buffo, ornato, dall’aspetto innocente, infantile, generalmente dalle tonalità “femminili”, quali bianco, azzurro, violetto e rosa. I personaggi kawaii, quindi, hanno fattezze bambinesche e ingenue, lineamenti graziosi, proporzioni minute ed essenziali, occhi grandi, scintillanti, teneri ed espressivi e una gran quantità di dettagli e particolari.

KAWAI2Kawaii è sicuramente il locale con struttura e scala in legno per salire al secondo piano, kawaii sono i disegni alle pareti liberamente ispirate al mondo fiabesco dei Moomin, personaggi (molto popolari anche in Giappone) creati dalla celebre fumettista e illustratrice finlandese (ma di lingua svedese) Tove Marika Jansson, di cui fanno parte anche gli pseudo fantasmi Hattifatteners che danno il nome al caffé: Hattifnatt; kawaii sono infine i piatti e le bevande preparate, come i cappuccini e matcha-latte con la faccina disegnata sopra.

KAWAI1Non preoccupatevi di non riuscire a capire cosa ordinare: i menù stampati (come succede d’altra parte quasi sempre in Giappone) sono corredati di disegnini (anche queste molto kawaii) che vi spiegheranno i piatti e le bevande da consumare; per i prezzi no problem: i numeri, in Giappone, restano quelli romani 😉
KAWAI4
photos credits: hattifnatt FBpoupee-sapphiraVivian Ngoflickr/from-japan-with-loverebloggy

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*