Terza edizione di Bake Off Italia: pronti al rotolonen?

Si ricomincia ..Bake Off Italia 3 con i tre giudici

Poche certezze se non che torna Bake Off Italia alla sua terza edizione firmata da Real Time.

Formula simile alle precedenti, con una terza prova in più a discrezione dei giudici, riconfermati come pure la Benedetta nazionale.

Location zuccherosa spostata a Villa Annoni, piatti e tazzine shabby chic traslocati.

Concorrenti ( è troppo presto per dire che ci manca Enrica vero?) di varie fasce di età e abilità manuali, preparazioni tra il crudo e l’appiccicoso ad aprire le danze.

Poi la prova tecnica: il rotolonen di Knam.

Alias rotolo farcito con panna e fragole, nella sua versione con pasta choux

In onore al main sponsor?

L'eliminazione di Mariny a Bake off Italia

Rotolonen farcito di Ernst Kanm prova di Bake off italia

INGREDIENTI
Per il pan di spagna
300 ml latte
70 g burro
100 g farina
3 uova
6 tuorli
1 limone
5 g sale
240 g albumi
90 g zucchero
3 g lievito in polvere

Per la bagna alla fragola:
100 ml acqua
100 g zucchero
100 g purea di fragole
20 ml spremuta di arance

Per la crema al mascarpone:
200 g mascarpone
75 g zucchero
1 baccello vaniglia
335 g panna

Per la salsa alle fragole:
200 g fragole
20 ml spremuta di limone
35 g zucchero a velo

Per completare:
450 g fragole

PROCEDIMENTO

Per il pan di spagna
Far bollire latte e burro. Incorporare la farina mescolando con un cucchiaio finché la pasta non si stacca dai bordi. Togliere dal fuoco e incorporare le uova pian piano. Aggiungere la scorza di limone e il sale. Passare l’impasto al setaccio. Montare a neve gli albumi con lo zucchero e poi incorporarli all’impasto, insieme al lievito. Stendere il composto ottenuto sulla carta forno a uno spessore di circa 6 mm. Cuocere a 180 gradi per circa 16/18 minuti.
Per la bagna alla fragola
Far bollire insieme tutti gli ingredienti e fare raffreddare fino all’uso.

Per la crema al mascarpone
Unire mascarpone, zucchero e vaniglia. Mescolare bene. Incorporare la panna montata.

Per la salsa alle fragole
Frullare le fragole con 20 ml di spremuta di limone e con lo zucchero. Passare al setaccio la salsa ottenuta.

Per completare
Bagnare il pan di spagna leggermente con la bagna. Farcirlo con la crema al mascarpone e con le fragole tagliate a pezzi. Arrotolare il pan di spagna e spolverizzare con lo zucchero a velo. Servire con la salsa alle fragole a parte.

 

Immagini: Real time tv canale 131

Falsi d’autore/1: liberamente ispirati ai Flauti®

PREVIEW

Il caldo dà alla testa a Monsu Barachin e lui diventa “falsario”; in questa rovente estate 2015 apre una nuova rubrica: Falsi d’Autore, ovvero il tentativo di replicare prodotti celebri della forneria industriale italiana che sono stati compagni fedeli delle colazioni di molti di noi negli anni ’80 e ’90.
Qualche anno fa sui pacchi dei frollini comparivano addirittura le ricette per poterli rifare a casa propria e per fortuna qualcuno ha fatto il prezioso lavoro di raccoglierne molte e a noi non resta che replicarle nelle nostre case.

FLAUTI
Per la prima puntata mi sono ispirato ai Flauti® del Mulino Bianco: un prodotto non così iconico della colazione anni ’80 (come quelli che verranno), ma in questo caso il mio obiettivo era più che altro quello di preparare delle brioscine particolarmente morbide e spugnose (come i Flauti®), ideali per l’inzuppo (perchè anche a 40° Monsu Barachin a colazione inzuppa :p).
Devo dire che il risultato è ottimo e seguendo le indicazioni di preparazione de Le Ricette Della Nonna sono anche anche notevoli da un punto di vista estetico.

Sbizzarritevi con le farciture e fatene qualcuno in più raddoppiando la dose: li mettete in freezer prima della seconda lievitazione; quando li vorrete mangiare a colazione, li tirate fuori dal freezer la sera e – scongelandosi e lievitando nella notte – al mattino saranno pronti per essere cotti 😉

ingredienti
uova 2
farina 00 250g
amido di mais/fecola di patate 25g
zucchero semolato 100g
burro 50g
yogurt bianco 2 cucchiai
lievito di birra (in cubetti) 10g
latte 2/3 cucchiai
confettura, crema o Nutella per la farcitura

preparazione
Schiacciare il lievito con un cucchiaino di zucchero fino a quando si scioglierà fino ad avere una consistenza liquida.
Miscelate le due farine, unite lo yogurt, il lievito sciolto e mescolate.
Aggiungete lo zucchero, il burro morbido e le uova e impastate fino ad ottenere un palla da lasciar lievitare un paio d’ore in un luogo caldo.
Stendete l’impasto lievitato (senza reimpastarlo nuovamente) ad uno spessore di circa 3 mm. Ricavatene dei rettangoli di circa 8 per 15 cm. Tagliate la metà di ogni rettangolo, dalla parte del lato lungo, in tante striscioline di circa 2 cm di larghezza. Mettete un cucchino di Nutella o confettura sul rettangolo di pasta, arrotolate la metà integra su se stessa fino ad arrotolare anche le strisce. Spennellate le striscioline con del latte per farle aderire bene al resto del flauto. Disponete i flauti su una teglia ricoperta di carta da forno e lasciateli lievitare di nuovo coperti e al caldo per circa un’ora. Spennellate la superficie di latte e infornate a 180 gradi per 10/12 minuti o fino a che saranno dorati.

Photo credits – Mulino Bianco/Barilla

Gioie e dolori delle amarene sciroppate

PREVIEW_AMARENE

Ok, fa caldo. Personalmente la colazione non può che essere con il caffè-latte (caldo), ma capisco che il resto del mondo abbia voglia di qualcosa di più fresco e, mettendo da parte la granita e brioscia che si consumano solo nella rovente Sicilia, una delle soluzioni per i caldi risvegli estivi è lo yogurt con frutta fresca, müsli, granola, …
Uno degli accostamenti migliori con lo yogurt, preferibilmente greco bello consistente – anche non necessariamente a colazione – è con le amarene sciroppate che da quest’estate potete preparare voi e poi usare anche per altre preparazioni.

AMARENE_SCIROPPATE1
Metto le mani avanti: si tratta di un procedimento un po’ lungo e complesso ma che dà le sue soddisfazioni; quando in inverno aprirete il barattolo sarete grati di aver speso tempo e fatica in modo così proficuo.
Primo, quindi, andate al mercato (uno di quelli ben forniti) e acquistate delle amarene, non delle ciliegie qualsiasi: le amarene, infatti rispetto ad altri tipi di ciliegie (ferrovia, duroni, …) hanno polpa e succo di colore chiaro, sapore amarognolo e leggermente acido e una consistenza più soda e quindi più adatte ad essere conservate.
Secondo comprate (o fatevi prestare) uno snocciolatore: se vi state chiedendo quando lo userò di nuovo, sappiate che io non posso più farne a meno (vd. anche olive e susine) e poi procuratevi dei guanti monouso: le ciliegie macchiano tantissimo 😉
Terzo prendetevi un pomeriggio, uno di quelli annoiati estivi a cui volete dare un perché per non sentirvi troppo in colpa per l’ozio accumulato: ricordate, tempo ben speso.

A questo punto lavate e snocciolate le ciliegie tenendo da parte i noccioli che dovranno essere rotti uno per uno (con uno schiaccianoci o anche solo un batticarne sul tagliere) per recuperare l’armellina (piccola mandorla) presente al suo interno. Prendete dei barattoli (ottimi quelli della Bormioli da 250 ml) e inserite in ognuno 100 g di ciliegie denocciolate, versate dentro a ogni barattoli 100 g di zucchero e le armelline recuperate dai noccioli; chiudete i barattoli con i loro coperchi e fate cuocere a bagnomaria per 10 minuti dall’ebollizione.
Lo zucchero si scioglie in cottura formando lo sciroppo e le amarene saranno pronte dopo circa un mese dalle preparazione: quando li aprirete sarete sorpresi del buonissimo sapore e profumo di mandorle che ne scaturisce e li potrete usare per i vostri dolci e per accompagnare yogurt e gelati.
DOLCI_AMARENE

L’estate in tavola, a colazione. E siamo già in vacanza!

L'estate a colazione - Dalani

Cosa vi fa sentire veramente in vacanza?

Non è forse il risveglio la prima cosa che cambia quando non abbiamo orari e la luce inonda la stanza da letto. Non è la sveglia a farci aprire gli occhi, ma un raggio di sole che filtra dalle tende. Possiamo alzarci dal letto con calma, stiracchiarci per bene e prepararci una colazione fresca e leggera con tutta la pace di questo mondo!

E perché non decidere di apparecchiare fuori, in giardino o sul terrazzo?

Dalani

 

Apriamo i cassetti, scegliamo una tovaglia che ci fa stare bene, (conoscete il meraviglioso mondo Dalani? Date un’occhiata e perdetevi pure…) mettiamo in tavola un mazzo di fiori freschi, un cesto di frutta e sediamoci ad assaporare l’aria frizzante del mattino. Ecco, questo è essere in vacanza. Noi e la nostra tazza di caffè, senza orari e decisioni da prendere.

Una tavola colorata e preparata con cura, qualche piccola delizia da sgranocchiare e che possiamo preparare da noi: anche questo è un bel lusso!

Qualche idea per una colazione goduriosa e salutare?

Dalani

 

Per prima cosa – ormai lo sappiamo tutti – appena svegli bisogna bere per re-idratare il corpo ed eliminare le tossine. L’acqua aromatizzata può essere davvero un’ottima idea. Si tratta di un’infusione a freddo con acqua del rubinetto e la frutta (o la verdura!) che più ci piace. In aggiunta ci vengono in aiuto naturalmente le erbe aromatiche come la menta o il timo.

Avete mai provato a fare il succo di frutta in casa? E’ semplicissimo e appagante. Un pieno di salute, poco zucchero, frutta di stagione e avrete il vostro prezioso succo pieno di vitamine (e buonissimo!).

succo di frutta

Su un’alzatina potete sistemare una piccola torta con ciliegie rosso rubino (anche in versione vegan!) e qualche muffins profumato…Non dimenticate una bella ciotola zeppa di candido yogurt in cui affogare croccanti fiocchi di granola homemade.

L’estate  a tavola – per colazione – è servita.

 

muffins camomilla e mela

 

 

Due dolci favolosi ci aspettano stasera per la puntata 8 di Bake Off Italia

giudici e benedetta parodi

 

Non vedo l’ora che sia stasera! Ho appena scoperto quali saranno i dolci che i pasticceri di Bake Off Italia dovranno preparare per entrambe le prove e, lasciatemelo dire, sono due torte favolose, simbolo di due culture: quella partenopea e quella statunitense.

 

Knam e Bellavia

 

In onore dell’ospite di stasera, Davide Bellavia, erede della storica Pasticceria Bellavia di Napoli fondata nel 1925 e gestita dalla famiglia da ben tre generazioni, la protagonista della prova creatività sarà, naturalmente la Pastiera. Ogni famiglia partenopea millanta la propria ricetta per questa ricca, succulenta torta. Vedremo quali fantasiose varianti proporranno gli otto concorrenti rimasti!

E poi, la prova tecnica. Questo dolce si chiama “Lemon meringue pie” e si tratta di una sorta di crostata con crema al limone (o lemon curd) e meringa. Si trova persino del mitico ricettario di nonna papera ed è presente in molte serie tv o film ambientati negli Stati Uniti (Desperate Housewife vi dice qualcosa?)

E’ una prova che metterà alla prova i nostri pasticceri con più preparazioni per una sola torta.

 

bellavia

 

E ai giudici il duro compito di eliminare ancora un concorrente…Ma in fondo assaggiano un bel po’ di cose buone!

Mi sa che dobbiamo resistere fino a stasera, alle 21,10 su Real Time tv. Trovate come sempre @ilcolazionista su Twitter a condividere con voi gioie e dolori degli aspiranti pasticceri che ormai sono come un famiglia per tutti noi. Vero?