Plum cake al cocco di Iginio Massari…non c’è paragone

Quando ci si avvicina al Maestro della pasticceria, non si può che farlo in punta di cucchiaio e con molta, moltissima reverenza.

Dopo aver assaggiato il panettone di Iginio Massari e anche molto altro, ho voluto provare a rifare a casa uno dei celebri dolci della colazione: il plum cake.

La ricetta del Maestro Massari prevede il cocco rapé che conferisce un aroma e una consistenza (non invasiva) al dolce..che definirei soave.

plum cake guardini

La ricetta è tratta dal suo sito, con proporzioni che io ho modificato per ottenere una dose da stampo di plum cake da 28×9,5 cm

 

Qui vi posto la ricetta “originale”:

NGREDIENTI

  • g 500 zucchero
  • n 2 baccelli vaniglia
  • g 450 burro
  • g 100 crema pasticcera
  • g 700 uova
  • g 200 latte a 32°C
  • g 800 farina bianca
  • g 20 lievito polvere
  • g 300 cocco in polvere

PROCEDIMENTO

  • Lavorare in planetaria con scudo burro, zucchero, vaniglia, crema pasticceria e montare.
  • Setacciare la farina col lievito due volte.
  • Incorporare pian piano le uova e il latte alternando metà della farina-lievito setacciati.
  • Aggiungere l’altra metà della farina con lo stesso metodo e infine il cocco.
  • Mettere la massa negli stampi.
  • Cuocere a 170-180°C

Mentre quella che ho utilizzato io è circa l’equivalente di un terzo della dose:

  • 165 gr di zucchero
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 150 gr di burro
  • 35 gr di crema pasticcera
  • 230 gr di uova intere
  • 65 gr di latte a 32°
  • 265 gr di farina 00
  • 7 gr di lievito
  • 100 gr di cocco rapé

plum cake cocco massari

Partiamo dalla crema pasticcera, che io faccio al microonde e riduco drasticamente i tempi di cottura. Va benissimo la crema che fate abitualmente, ne tenete da parte circa un cucchiaio abbondante che vi servirà per questo impasto.

Il procedimento è semplice e intuitivo: si comincia col montare il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, la vaniglia e la crema. A poco a poco si aggiungono le uova sempre a temperatura ambiente e il latte a 32 gradi alternando con la farina setacciata col lievito. Per ultimo il cocco, che io ho mescolato a mano per paura di smontare il composto.

Nel frattempo ho acceso il forno, imburrato e infarinato lo stampo Petra’s e messo il futuro plum cake a 170 gradi per circa 30/35 minuti.

Che dire… è delicato, buonissimo e può essere gustato in purezza o spalmato di confettura.

Provateci e non tornerete più indietro!

P.s.

E’ finito subito!

 

Lo stampo mi è stato donato da Guardini, e appartiene alla linea Petra’s, è stato un piacere sfornare il plum cake!

 

Federica Circa Federica

Federica Gemma, ha un gatto bianco, un marito genovese e vive a Novara. Ha scritto per diversi blog e collabora con il portale Ehabitat. Ama mangiare, scoprire posti nuovi e creare dolci. Tra le sue passioni i programmi tv sul cibo, le cotture in forno, la Finlandia e gli avanzi del giorno dopo.

Parla alla tua mente

*