Pasta, gelati & co. Hungry for Food e un Fuorisalone® sempre più (food)design

Pasta, gelati & co. Hungry for Food e un Fuorisalone® sempre più (food)design

Il colazionista anche quest’anno ritorna a Milano per un Fuorisalone® che si rivela sempre più food(design) oriented.
Abbiamo visitato e selezionato per voi le iniziative più interessanti declinandole nelle categorie di cibo più rassicuranti e base della cucina italiana.
E quindi eccovi serviti dalla (tarda) colazione a sera.

FUORISALONE2017_1

Pasta e basta
Partiamo dal quartiere 5 VIE Art + Design dove nel suggestivo spazio gastronomico di Pasta d’Autore, con mattoni e fornelli a vista, Chef Rubio in collaborazione con il designer Filippo Protasoni, insegna a chiunque, anche i dummies della cucina, in laboratori di 15 minuti (prenotabili in loco) a preparare tortelli (non pensavamo di riuscire a farli così belli) e impacchettarli nel geniale e bello packaging Origami per portarli a casa e cucinarli.

Sempre in tema pasta, all’interno del cortile di Opificio 31 (via Tortona, 31) sarà presente anche Paola Navone con Pasta&Pasta, collezione di oggetti per preparare un piatto di pasta.


Gelatomania
Il gelato protagonista anche al Fuori Salone. Noi abbiamo assaggiato da Gusto 17, agrigelateria in zona Tortona, un buono ed autenticamente artigianale e naturale, gelato al fondente (senza latte) e thè verde alla menta, ispirato al Pratone (produzione Gufram) di Derossi, Ceretti e Rosso; oltre a questo: fragola e fior di latte ispirato a un’altra icona del design italiano, Poltrona-Up di Gaetano Pesce.
Sempre in tema gelato, all’Isola Design District, la novità del Fuorisalone di quest’anno, nel Milan Design Market (Via Pastrengo 14), un luogo di incontro per design con 30-35 brand e creazioni di ogni genere, il futuristico Stecco-Stone, i gelati a forma di pietra di Glacé il marchio  di Ilaria Forlani.

Infine se non ancora non conoscete i gelati della pasticceria Pavé, una delle migliori in città per il perfetto connubio di tradizione e innovazione, potrebbe essere l’occasione per assaggiare i suoi gusti creativi: compie giusto in questi giorni il suo primo compleanno e a voi la scelta tra Limone, zenzero e curcuma, Mascarpone&Chinotto, Caffè&Cardamomo, Pane, burro, 160 e Colomba.

FUORISALONE2017_3

Buono come il pane
In quella che, non a caso, in origine era la Casa del Pane, ovvero il Casello Ovest di Porta Venezia (piazza Oberdan): The Essential Taste of Design con tanti progetti da Breaking bread alla collezione di posate del belga Alain Wathieu, e alla mostra Panino, tra natura e artificio di Fondazione Accademia del Panino Italiano.
Tra i protagonisti dell’iniziativa Davide Longoni che presenta La Tasca, un pane fatto con un blend di farine biologiche e una creazione sul tema pane e cioccolato.

In alternativa al solito panino al volo, il nuovo bistrot Giovanni Cova & C. (via Cusani, 10) fornisce ogni giorno (12,00 – 15,00) un menu diverso per il Pic Lunch in a Box. Diversamente uno dei tanti foodtruck di qualità, tra cucina italiana e fusion, in zona Sant’Ambrogio (via San Vittore e parco Sempione) oppure Ventura Lambrate (Giardino Ventura con la Street Food Experience).


Passione cioccolato
Un ampio focus
sul cioccolato al Fuorisalone: presso lo Spazio Zegna in zona Tortona (via Savona) all’interno dell’evento Altagamma Italian Contemporary Excellence, esposizione delle foto che raccontano la produzione e la lavorazione del cacao più fine e raro, il Criollo e degustazione, presso la galleria miFAC (Palazzo Siam di via Santa Marta 18), nel distretto 5 VIE Art + Design, delle singole Origini Domori, provenienti da Perù, Madagascar, Colombia, Tanzania e Venezuela.

FUORISALONE2017_5

Pianeta pizza (gourmet)
Milano sempre più capitale della pizza gourmet. Una nuova apertura in città sul fronte pizza gourmet. Capperi… che pizza! (Santa Maria del Suffragio, 3) ideata dalla famiglia Acciaio, produttori dei prodotti L’Orto di Lucullo e I Sapori di Corbara, ingredienti selezionati, tra tipicità dop, igp e Slow Food. Sempre in zona Porta Romana, noi abbiamo provato anche l’ottima Briscola – Pizza Society, che propone due (mini) pizze gemelle per assaggiare più gusti in una volta sola.


Hungry for Food
Gli acronimi piacciono sempre e allora ecco coniato fresco fresco MuVaC (distretto compreso tra tre vie: MUratori, VAsari, Corio) declinato al tema cibo: Hungry for Design, per rivendicare il ruolo di distretto del food milanese.
Hungry for Design unisce cibo e design ed espone nella LaDodo Gallery (via Muratori, 11) oggetti che ripensano la relazione tra alimenti, forma e funzione. Oltre l’offerta gastronomica del quartiere (Cavallante, Dongiò, Itashi, La Cozzeria, Mam Milano Amore Mio, Pasta Madre, Abbotega, Giulio Pane o Ojo, Trippa), in via Muratori si possono degustare i prodotti di 4 food truck.

FUORISALONE2017_4

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*