Pane di Challah

Pane di Challah

 

Pane di Challah, chi era costui? boh. Ne avevo letto in rete, non che mi diletti a cercare ricette, ma avendo un problema di intolleranza al lattosio son sempre il cerca di cibi preparati senza latte e senza burro, anche se per il burro ho efficacemente risolto autoproducendo il burro chiarificato e latte senza lattosio è di semplice reperimento, ma tant’è.

Un giorno mi aggiravo fra gli scaffali di Eataly,  io vivo nella terra del suo patron quindi non è una pratica neppure particolarmente fighetta anzi,  volevo comprare un libro di cucina bello, non un libro di cucina utile, ma un bell’oggetto ecco.

Facendo lo slalom fra le  pubblicazioni dei soliti chef televisivi, mi imbatto in New York, le ricette di culto, eureka! Copertina rigida, nero e giallo, foto intrigante dunque compro. Sì, non l’ho neppure aperto, comprato sulla fiducia, Guido Tommasi è un editore che incontra il gusto culinario-estetico, ho altri libri della casa e li trovo fantastici. Il pane di Challlah era una delle prime ricette proposte nella foto qui sotto il locale di Brooklyn selezionato dall’autore.

pane di challa bakery

La ricetta la trovate in rete senza nessun problema, ma Labna, merita una visita speciale. Vi lascio la loro ricetta, per il gusto di mio marito lo zucchero non è mai abbastanza, quindi ho raddoppiato la dose ( secondo lui potevo anche triplicarla, marito goloso). Il procedimento è quello di una normalissima panificazione, si impasta e una volta ben lievitato si cuoce. Un buon motivo per comprare il libro? beh c’è la spiegazione dettagliata di come fare la maestosa treccia che caratterizza  la preparazione… e se ci son riuscita io, buon pane di Challah a tutti!

Ingredienti

4 bicchieri di acqua tiepida
2 cubetti di lievito fresco o 20 g di lievito disidratato in grani o 2 bustine di lievito secco in polvere per pane
1 bicchiere di olio di semi leggero
1 bicchiere di zucchero
2 uova
2 cucchiai di sale
2 kg di farina
2 tuorli d’uovo per spennellare il pane
semi di sesamo o semi di papavero per decorare il pane

dai non voglio favi googolare troppo, come si fa la treccia lo trovate anche in rete e potete trovare intrecci complicatissimi, ma sul libro è più bella, tzè.

 

Immagini: Robyn Lee

 

Circa Cristina

Agronomo intollerante al latte, moglie caffeinomane, madre impastatrice compulsiva, knitter all'ora del tè.

Parla alla tua mente

*