Oh My Clementine: una torta imbattibile per facilità e leggerezza

Oh My Clementine: una torta imbattibile per facilità e leggerezza

CLEMENTINE1La ricetta per il post odierno è l’unione perfetta di semplicità e leggerezza per rimanere nei territori sperimentati nelle settimane passate da Monsu Barachin per le easy & light breakfast con un valore aggiunto: finalmente una torta che possono mangiare anche gli intolleranti al glutine, perché assolutamente priva di farina 🙂
La ricetta proviene da una donna che ha fatto dei ‘grandi risultati con piccoli sforzi‘, la sua bandiera e il suo biglietto da visita: Nigella Lawson, una delle cuoche più voluttuose e chiaccherate della gastronomia internazionale.

Il risultato finale in ogni caso è davvero interessante e la preparazione preventiva a base di clementine conferisce un gusto agrumato intenso alla torta e grande morbidezza: io trovo quanto mai azzeccato l’abbinamento agrumi/cioccolato, ma si può decidere anche di farla nella versione senza cioccolato, sostituendo la stessa quantità di cacao con amido di mais o fecola di patate (verificando sempre sulla confezione che siano gluten-free).
Come noterete non ci sono derivati del latte e neanche grassi aggiunti (come olio o burro): non vi resta che farla e anche in fretta… perché la stagione delle clementine sta per finire 🙁

ingredienti
clementine 375 g (circa 3 di medie dimensioni)
uova 6
zucchero semolato 225 g
mandorle senza buccia 250 g
cacao in polvere 40 g
lievito chimico in polvere 1 cucchiaino

preparazione
Tagliare a spicchi le clementine a spicchi senza sbucciarle togliendo eventuali semi, mettere in una pentola, coprire d’acqua e far bollire per un’ora con il coperchio; scolare e far raffreddare.
Mettere in un frullatore o boccale per frullatore ad immersione le cementine cotte, le uova, le mandorle, lo zucchero, il lievito, la polvere di cacao, frullare fino ad ottenerre un composto vellutato.
Versare in una tortiera imburrata o con carta forno e far cuocere a 190° per 40 minuti, verifcando sempre la cottura con lo stuzzichino.

A partire da questa ricetta base potete sbizzarrirvi abbinando in modo creativo i tipi di agrumi (aranci, limoni, pompelmi, …), la frutta secca oleosa (noci, nocciole, arachidi, …) e profumando con spezie varie (zenzero, cardamomo, cannella); consiglio solo di aumentare la quantità di zucchero nel caso si usino limoni, pompelmi o bergamotti 😉

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*