NYC CHEESECAKE: LA MIGLIORE TRA VENIERO’S e JUNIOR’S ?

NYC CHEESECAKE: LA MIGLIORE TRA VENIERO’S e JUNIOR’S ?

CHEESECAKE1DEF1Se ogni città ha una torta che la rappresenta, sicuramente la cheesecake è quella si associa inequivocabilmente alla Grande Mela; l’origine della torta al formaggio è però antichissima: nell’antica Grecia sembra venisse servita agli atleti dopo le Olimpiadi e dalla Grecia la ricetta fu poi portata a Roma come documenta Catone il Censore, nel suo De Agri Cultura. L’uso del formaggio nelle preparazioni dolci è comune infatti alla pasticceria di moltissimi paesi e culture, tuttavia ciò che sancisce la grande differenza tra le varie torte al formaggio e la cheesecake di stampo aglosassone è l’utilizzo del creamcheese, più noto come il nome commerciale di Philadelphia®, inventato per caso nel 1872 dal lattaio americano James L. Kraft, nel tentativo di ricreare il formaggio francese Neufchatel. Sebbene diffuse in tutti gli Stati Uniti, sembra che le migliori cheesecake vengano preparate proprio a NYC.

CHEESECAKE1DEF2Una cosa che è sempre è piaciuta agli Americani è fare delle hit parade e sulle pagine delle New York Times ci si è spesso domandati quale fosse la migliore della città: ad oggi la scelta sembra essere tra Veniero’s, nel LES (Lower East Side), pasticceria italiana aperta nel 1894 e Junior’s, locale superamericano rimasto intatto dagli anni cinquanta, nato a Brooklyn ma oggi con due filiali anche a Manhattan (Gran Central Station e Times Square).

CHEESECAKE1DEF5A dir la verità da Veniero si va spesso per assaggiare la pasticceria di origine italiana (sgogliatelle, cannoli, torte  di mandorla, biscotti di frolla) di ottimo livello – considerato lo standard americano-, tuttavia anche la loro cheesecake è particolarmente amata dai newyorchesi; sarà la presenza della ricotta della farcia, sarà la decorazione con fragole o frutta fresca, la cheesecake di Veniero’s risulta più leggera ed elegante, ma forse poco americana 😉

CHEESECAKE1DEF6Per chi ha voglia di qualcosa di più americano§: la Oreos Cheesecake; biscotti nella base e nell’impasto, anche qui in ogni caso un buon equilibrio di gusto e consistenza della farcia non troppo ‘gessosa’.

CHEESECAKE1DEF3Da Junior’s personalmente ci andrei anche solo per il locale così autenticamente anni cinquanta: divanetti, complementi in legno e ottone, appliques e specchi, camerieri in livrea e colazione servita tutto il giorno 🙂 La chesecake che servono in tantissime varianti è preparata esclusivamernte con chreamcheese e il risultato finale, considerate anche le dimensioni delle fette, è a mio avviso un po’ stucchevole 🙁 : l’ideale è prendere una fetta in due e diluirla con un lunghissimo caffè americano con cui l’ineccepibile cameriere rabbocca continuamente la tazza.

CHEESECAKE1DEF8Il mio consiglio? O si va sul classico con una Original NY Plain o Strawberry Cheesecake oppure si può osare con una Devil’s food cheesecake; qui la base, come uno dei due ripieni, è a base di cioccolato fondente che allegerisce un po’ la carica zuccherina generale.

CHEESECAKE1DEF7
Se poi, come me, amate scoprire tutte le versioni e i prodotti di una pasticceria, allora preparatevi a passare delle ore sul catalogo on-line o cartaceo da ritirare in loco: perché qui, se siete a NYC, dovete proprio venirci 😉

CHEESECAKE1DEF9

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*