Il brunch? L’ergastolo per chi l’ha istituito, parola di Chef Cristiano Tomei

Il brunch? L’ergastolo per chi l’ha istituito, parola di Chef Cristiano Tomei

Una delle cose belle, bellissime di scrivere su un sito è poter parlare, conoscere e poi raccontare le diverse esperienze che ci accadono.

E’ questa la cronaca di una bella, divertente e gioiosa intervista che ho fatto a chef Cristiano Tomei, patron del ristorante L’imbuto a Lucca nonché giudice, con chef Rubio e Paolo Parisi del nuovissimo programma punta di DMAX (canale 52) i Re della Griglia in onda da lunedì prossimo.

Giudici_i re della griglia

 

Un cuoco istrionico, fantasioso, allegro già dalle favolose bandane che avevo visto nelle fotografie me lo sono raffigurato esattamente così quando ho potuto scambiare con lui qualche chiacchera al telefono.

tomei

Rompiamo il ghiaccio, il nostro sito si occupa di colazioni..

Una colazione alla griglia? Certo si può fare! Prendiamo un gusto salato per esempio, del buon pane tostato sulla griglia, ma pane vero eh, con una fetta di lardo tagliata fine. Il pane lo si fa scaldare e poi, tolto dal fuoco, si adagia il lardo.

Se si preferisce il dolce, sempre del pane vero (ndr non in cassetta o preconfezionato) pucciato nel vino e passato nello zucchero, poi grigliato.

E da bere?

The o caffè, non sono un amante del latte. A dire il vero io al mattino bevo un bicchiere d’acqua e prendo un caffé, non mangio quasi mai. Questo se sono a casa, se sono all’estero il discorso è diverso..

A tal proposito so che lei è una persona che ha viaggiato moltissimo, per tutto il mondo. C’è qualche posto che le è rimasto nel cuore, anche per la sua colazione?

In Madagascar c’è della frutta meravigliosa, in Messico la colazione è colorata e scoppiettante con le tortillas salate.

Sai, ogni colazione rappresenta un popolo, un modo di vivere. Gli anglosassoni, ad esempio, fanno una colazione molto abbondante al mattino perché è un retaggio del tempo in cui i soldati facevano un pasto solo, per prepararsi alla lunga giornata.

Mio nonno, che lavorava nei campi, al mattino mangiava pane con ricotta e biroldo (ndr insaccato di maiale ricavato da testa, polmoni , cuore e frattaglie) aveva bisogno di forze, di energie per affrontare la giornata di lavoro. Oggi non è più così.

E del brunch che cosa ne pensa? ( Mi rendo conto di ridere mentre pongo la domanda, perché un po’ credo di aver capito il suo pensiero)

L’ergastolo per chi l’ha istituito.

E’ anti culturale, come vendere il gelato al Polo Nord.

La moka sulla griglia si può mettere?

Certamente, ricordiamoci poi che ora esistono i barbecue completamente richiudibili che creano un effetto forno, in cui si possono cuocere meravigliosamente diversi frutti, come le mele.

Mela grigliata, spolverata di cannella, colazione pronta.

 

 

 

 

 

 

Immagini DMAX, Weitaly

Federica Circa Federica

Federica Gemma, ha un gatto bianco, un marito genovese e vive a Novara. Ha scritto per diversi blog e collabora con il portale Ehabitat. Ama mangiare, scoprire posti nuovi e creare dolci. Tra le sue passioni i programmi tv sul cibo, le cotture in forno, la Finlandia e gli avanzi del giorno dopo.

Parla alla tua mente

*