Halloween e un sano treat!-Il Colazionista

Halloween e un sano treat!-Il Colazionista

Qui negli Stati Uniti Halloween è una festa molto amata da grandi e piccini. A me fa venire in mente un misto tra il nostro Carnevale e l’Epifania.

Avendo preso piede anche in Italia sappiamo tutti più o meno cosa sia ma in realtà non sappiamo da dove provenga. Mi sono quindi presa la briga di fare una piccola ricerca  e mettere insieme qui ciò che ho trovato.

Bisogna tornare indietro alla cultura celtica molto diffusa circa 2000 anni fa in paesi che oggi conosciamo come  Nord della Francia, Regno Unito e Irlanda.

Il Samhain, “fine dell’estate”, era una festa celebrata sempre il 31 Ottobre, giorno in cui venivano ricordati i morti. Consisteva in una serie di rituali, come grandi falò e aveva inoltre  lo scopo di salutare l’estate e dare il benvenuto alla stagione fredda. Molte di queste celebrazioni erano dettate da superstizioni insite in questa civiltà basata sostanzialmente sull’agricoltura. Con certi riti i celti pensavano di scacciare alcune paure come quella di non avere un buon raccolto o di perdere i propri terreni a causa di incontrollabili disastri naturali.

Diffusa era la credenza che quella notte le anime dei morti vagassero per il paese. Non essendo però tutti gli spiriti considerati buoni si pensava che lasciare regali e leccornie sulle porte delle case, potesse tenere lontano il diavolo e assicurare un abbondante raccolto per l’anno a venire.

Con il tempo e il diffondersi del Cristianesimo in quelle terre, venne anche istituita la festa di Tutti i Santi, festeggiata il Primo Novembre di ogni anno. È adesso che inizia a fondersi il sacro con il profano ma Halloween, All Hallows’Eve cioè la vigilia di Tutti i Santi, continua ad essere celebrata come festa dell’abbondanza.

La tradizione si mantiene viva e viene tramandata a quelle generazioni che si sposteranno poi negli Stati Uniti nel XIX secolo e che continuano a festeggiare nelle più grandi città americane. Molti stati americani accolgono le celebrazioni e le fanno proprie ma altri, i più cattolici non vedono di buon occhi questo misto di superstizione e religione. Solo negli anni ’50 Halloween riscuote totale successo quando assume un aspetto del tutto commerciale e accattivante per i bambini con l’inizio del famoso “trick or treat”. Riemerge così l’antichissima usanza di donare cibo e dolci alle anime in giro quella notte che ad oggi sono i bambini mascherati e pronti per un bel carico di zuccheri!

Gli americani hanno costruito un sostanzioso business intorno a questa tradizione. Già nel mese di Agosto inizia la caccia al costume o alle migliori decorazioni. Scheletri, ragnatele, gatti neri, lucine rosse e fantasmi adornano le facciate di molte case e qualcuno si lascia decisamente prendere la mano.

Bostonsoloandata.blogspot.com (1)

 

Se prevedete molte visite il 31 Ottobre e volete offrire ai bambini un treat alternativo eccovi una ricetta veloce e semplice, usando i semi della zucca che avete appena svuotato e che userete come decorazione!.

Bostonsoloandata.blogspot.com

 

Semi di zucca tostati con zucchero di cannella

 

La zucca può essere svuotata usando un cucchiaio e separando la polpa dai semi.

Se decidete di sciacquarli in acqua corrente sappiate che questo procedimento toglierà un po’ del sapore ai semi. La cosa migliore è lasciarli seccare su carta da forno prima di tostarli, anche perché se sono ben asciutti richiedono un tempo onore di cottura in forno.

Una volta che i semi sono secchi, disponeteli in modo uniforme in una teglia da forno e cospargeteli di poco burro fuso e zucchero aromatizzato con un pizzico di cannella. Nel frattempo scaldate il forno a 150gradi.

Infornate i semi per circa 35’o finché non appaiono tostati e ben dorati.

Lasciateli raffreddare e poi potete metterli in piccole bustine di carta da decorare e offrire ai bambini che verranno a bussare alla vostra porte!

Potete provare la stessa tostatura creando un mix di semi di zucca, mandorle, anacardi, pistacchi, noci e molti altri!

 

Buon Halloween!

Untitled design

Parla alla tua mente

*