Fare i biscotti Ikea con la pasta frolla Ikea, vale la pena?

Andare da Ikea e non comprare nulla è una missione impossibile. Almeno per me, e son certissima, anche per voi.

E’ spinta da questo spirito sobrio e per niente consumista che nella mia incursione post natalizia, diciamo di saldi pieni, mi sono affacciata a mani vuote all’uscita senza acquisti.

Un senso di vuoto mi ha pervasa, simile allo smarrimento di chi mi accompagnava. “Ma come neanche un tovagliolo?Un runner rigido per la tavola? Una mensolina laccata bianca?”

Niente.

Poi davanti a me, dopo le casse, la bottega svedese.

Posto di incredibili certezze ( troverai sempre, sempre lo sciroppo di sambuco) è anche fonte di grandi meraviglie ( il preparato per muffins???) e talvolta, come nel mio caso, di must have.

Ikea Pepparkaka

La pasta frolla nel banco frigo Pepparkaka, pronta all’uso, -che promette i biscotti che potresti comprarti serena pronti nelle scatole di latta- è un feticcio per Il Colazionista.

biscotti ikea in casa

E’ fatta, sento già la mia magione ricca di profumi svedesi e sogno la croccantezza dei biscotti Ikea sotto i denti.

L’uso è molto semplice e pratico, è un rotolo  compatto e unto già pronto all’uso; basta stenderlo col mattarello e un po’ di farina e attenersi alle istruzioni di montaggio ( :-D)

ikea

Poi sbizzarrirsi con le forme che più ci aggradano e piccolo ma utilissimo consiglio, FIDARSI dei tempi di cottura indicati.

La prima infornata a me sembrava cruda e molliccia, quindi ho lasciato ancora e… ancora. Col risultato di avere graziose decorazioni bruciate svedesi.

Con la seconda infornata ho fatto voto di fiducia e Ikea mi ha ripagata, sono buoni, sono similissimi a quelli comprati e mantengono le promesse.

Questo è il risultato finale:

Fare i biscotti Ikea

La ricomprerei?

Sinceramente no, tra lo sbattimento di prendere la spianatoia, stendere, cuocere, bruciare, ristendere, ricuocere e mangiarli tutti come se non ci fosse un domani, dopo aver letto gli ingredienti contenuti e non avere la scatola di latta per mettere i bottoni… ecco no.

Ma sono esperienze, s’hanno da fà.

Federica Circa Federica

Federica Gemma, ha un gatto bianco, un marito genovese e vive a Novara. Ha scritto per diversi blog e collabora con il portale Ehabitat. Ama mangiare, scoprire posti nuovi e creare dolci. Tra le sue passioni i programmi tv sul cibo, le cotture in forno, la Finlandia e gli avanzi del giorno dopo.

Parla alla tua mente

*