The importance of being Csaba

The importance of being Csaba

Csaba dalla Zorza a me piace da morire. L’ho detto subito, nel primo rigo tanto per fare chiarezza, non sono imparziale, sappiatelo. Ha quella calma olimpica che a me manca pure alle due del pomeriggio, figuriamoci la mattina, ha quella magrezza che ti fa pensare che ti puoi mangiare un quintale di panna senza effetti collaterali e poi mentre ti spiega la ricetta ha uno sguardo così convincente e penetrante che alla fine senti che non puoi più vivere senza una teiera di fine porcellana britannica. La manualità non è quella degli chef navigati, ma ti fa credere che giusto con un po’ di allenamento potresti farlo anche tu!

Intanto Csaba non fa colazione, celebra un nuovo giorno, se c’è un buon motivo per ringraziare  voi non lo sapete, ma Csaba sì, dunque fidiamoci e seguiamola.

Per fare uno dei suoi leggendari breakfast dobbiamo innanzitutto arrivare in cucina con trucco, parrucco e vestito adeguato. Niente tutoni-felponi-patatoni, perfette e un filo di trucco come se da quella porta non dovesse uscire il solito familiare grugnente, ma come minimo una testa coronata.

colazione con csaba dalla zorza

Una dei miei episodi favoriti, la colazione estiva. Prepara dei pancake, nulla di incredibile quindi, ma la grazia signora mia, la grazia!  Al posto del latte, il latte di cocco e il pensiero di tenere in caldo nella vaporiera di bambù qualche frittella per chi si sveglierà più tardi non lo trovate assolutamente delizioso? E la  preparazione per il marito con un bel cuore ricavato nel pancarrè con un tagliabiscotti mi lascia basita.

Il caffè e poi il frullato di frutta. La cura nella scelta di tazze, piattini e tutto quel che serve a preparare una tavola da fiaba Csaba lo ha,  decori con minuti fiorellini in estate e ceramiche “importanti” per la colazione di Natale, abbinati a informali set all’americana o tovaglie di fiandra che si tramandano immacolate di generazione in generazione.

Tutto servito in terrazza – beh se non avete un mas provenzale cercate di allestire adeguatamente il terrazzo al sesto piano. E’ la perfetta padrona di casa, di quelle che riempiono una stanza solo entrando, coccolano gli ospiti e sono amate da tutti.

Direttamente dai video di Csaba ecco gli ingredienti per i pancake al cocco

225 g di farina auto lievitante, per dolci
110 g di zucchero superfine
4 uova
375 ml di latte di cocco
2 cucchiai circa di olio di semi
2 banane
½ lime
Cocco a scaglie, facoltativo
Miele integrale per condire

 

p.s. non dimenticate filo di trucco, giro di perle e abito stirato.

Immagini: vanityfair, ned the head

Circa Cristina

Agronomo intollerante al latte, moglie caffeinomane, madre impastatrice compulsiva, knitter all'ora del tè.

Parla alla tua mente

*