Storie di colazioni a Torino. Sunday brunch di GiovaniGenitori e #stayhome

Storie di colazioni a Torino. Sunday brunch di GiovaniGenitori e #stayhome

Monsu Barachin è orgoglioso più che mai di esercitare a Torino.
Che si sta sempre più scrollando l’allure provinciale che l’ha un po’ offuscata per tanto tempo, facendosi capo fila di nuove tendenze e atteggiamenti sociali, al pari di città come Berlino o Copenhagen.
E anche a tema colazione o brunch qui non si scherza.

BRUNCH_GIOVANIGENITORI_1
Vi racconteremo oggi due storie che IlColazionista in persona ha provato per condividerle con voi.
Partiamo dal Sunday Brunch che GiovaniGenitori organizza nella splendida cornice liberty del Circolo della Stampa su Corso Stati Uniti.
Essenzialmente due modalità di brunch che si alternano nelle varie domeniche: Il giro del mondo in 80 domeniche e il kids Fashion Brunch.
Nel primo caso una tappa letterario-gastronomica a tema internazionale: ci sono stati la Cina e gli Usa, la prossima sarà la Francia (19 marzo) con il momento gastronomico del brunch (valido e variegato solo migliorabile dal coté dolci), preparato dallo chef Riccardo Milone e declinato in preparazioni dedicati al paese ‘ospite’, a cui segue il Viaggio Selvaggio di Merende Selvagge per i bambini dai 5 ai 10 anni.

BRUNCH_GIOVANIGENITORI_2

Nel secondo l’opportunità, dopo il pasto, di partecipare ad un workshop creativo in cui i bambini (5-10 anni) possono colorare, tagliare, cucire ed indossare ciò che hanno creato; ha iniziato Born-in-Berlin e domenica scorsa Duepigrecoerre! Per i più piccini (come la mia Celeste) un’area morbida con i giochi creativi di Don Chisciotte – Toys for school.
Un’opportunità bella per fare un ‘pranzo della domenica’ diverso, respirando bellezza e creatività.

BRUNCH_GIOVANIGENITORI_3BRUNCH_GIOVANIGENITORI_4
La seconda storia non è esattamente a colazione, ma all’ora dell’aperitivo, all’ora in cui uno uscirebbe di casa per incontrarsi con le amiche, a bere qualcosa, a mangiare, a chiacchierare.
E invece no, si sta casa, perché è quella la nuova tendenza: condividere con amiche (e non) momenti di cibo, bellezza, moda, letture in case bellissime, per lo più del circuito di welcomehome (con l’ indirizzo che viene comunicato solo all’ultimo), dove “camera da letto, salotto, sala da bagno e cucina diventano teatro di performance e momenti d’incontro”.

STAYHOME2
Nell’ultimo evento di febbraio si è parlato di colazione nell’aperitivo, ovvero di come un’insalata di pollo – ottenuta semplicemente da un pollo arrosto avanzato arricchito con misticanza, mele croccanti e cubetti di formaggio – può avere un allestimento colazionista, servita in una tazza inglese da tè con cantucci salati con noci che saranno i biscotti della nostra colazione serale o aperitivo colazionista.
L’idea è di Veronica Geraci e Irene Prandi che per questo evento di #stayhome si sono occupate del momento cibo.
Torino un passo avanti: sempre. Anche a colazione!

STAYHOME1

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*