Colazioni pugliesi a Torino. I migliori pasticciotti e zeppole in città

Colazioni pugliesi a Torino. I migliori pasticciotti e zeppole in città

Meno blasonate e popolari di quelle siciliane e napoletane, le colazioni pugliesi sono per intenditori.
COLAZIONI_PUGLIESI_1
E ruotano intorno ai due dolci più iconici della pasticceria sudoccidentale italiana: zeppole e pasticciotti (o bocconotti).
A Torino abbiamo provato due locali che ci hanno convinti per prodotti di pasticceri e per la caffetteria: Pasticceria Elba e La Vie en Rose.
COLAZIONI_PUGLIESI_3
La Pasticceria Elba, su corso Orbassano, svela immediatamente l’origine salentina accogliendo i clienti con una gigantografia a parete della cattedrale di Lecce; è facile che assaggiate i bocconotti ancora caldi, perché vengono sfornati tutto il giorno, quasi a ciclo continuo. Molto (troppo?) burrosi e quindi particolarmente friabili con i classici ripieni, tra cui quello classico – che ho assaggiato io – con crema e amarene sciroppate. Disponibili anche rustici, calzoni (fritti e al forno), focacce e pizze pugliese, nonché pasticcini, per lo più secchi, soprattutto a base di mandorle.
COLAZIONI_PUGLIESI_4
Con La Vie En Rose ritorniamo invece a San Salvario, nella sua parte più tranquilla verso Corso Raffaello: l’interno a metà tra sala da thè inglese e café francese ha poco di pugliese e di mediterraneo, ma i loro pasticciotti e soprattutto le loro zeppole sono davvero eccezionali, con alcuni abbinamenti, per i pasticciotti, particolarmente golosi: ricotta e composta di fichi, frolla al cioccolato con ripieno di cioccolato bianco e crema.
Zeppole al forno leggere e freschissime ben farcite di crema chantilly.

COLAZIONI_PUGLIESI_2
Abbiamo assaggiato dei buoni dolci pugliesi anche All’improvviso, da Puglia Lab e Moi Moi, più pensati – però – per pranzi o pasti all’insegna del salato e con piatti cucinati.
E voi colazionisti, pasticciotti addict, dove comprate i migliori bocconotti a Torino?COLAZIONI_PUGLIESI_5

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*