Colazioni in pieno spirito natalizio: julegrød e pebernødder danesi

Colazioni in pieno spirito natalizio: julegrød e pebernødder danesi

Alzi la mano chi si è chiesto almeno una volta com’è l’atmosfera di Natale in Nord Europa!
Mercatini, luci, il giusto freddo per apprezzare appieno il clima delle feste.
Quest’anno passerò per la prima volta il Natale in Danimarca e sono settimane, ormai, che testo e sperimento dolci e idee per ricreare la perfetta colazione delle feste prendendo spunto dalla cucina danese. Sono quindi pronta a darvi qualche dritta per provare a ricreare a casa vostra un po’ di quell’atmosfera nordica che tanto ci piace.

Per raggiungere il nostro scopo, preparatevi a una colazione abbondante, che tanto alla dieta ci si penserà nell’anno nuovo. Mettete un po’ di musica che vi sembra a tema – qui abbiamo optato per una danesissima Agnes Obel – e accendete qualche candela. Ah, importantissimo, preparate la coperta sul divano, per non dimenticarvi che questa colazione va gustata con tanta calma, meglio se occupando buona parte della mattina accompagnati da delle piacevoli chiacchiere.

Veniamo al dunque. Per entrare nel pieno spirito natalizio danese vi propongo due ricette, una più calda e confortevole e l’altra più classica: porridge speziato e pepernødder da inzuppare nel tè.

juleris danese

Prodige speziato o julegrød

Voi colazionisti dovreste già conoscere il grød, ve ne abbiamo parlato qualche settimana fa! La versione che vi propongo oggi è un riadattamento di quella che viene preparata durante il periodo di Natale (potete leggere la ricetta originale rigorosamente in danese sul sito Hjemmet) e che si trova anche nei mercatini, accanto a un bicchiere di glogg – vino caldo speziato con l’aggiunta di uvetta e frutta secca – e alle tipiche frittelle natalizie chiamate æbleskiver.

Per preparare il grød di Natale per 4 persone vi serviranno:
– 2 dl di fiocchi di avena (la ricetta originale prevede fiocchi di riso o per i puristi, riso apposito)
– 2 dl di acqua
– 1 litro di latte intero
– un pizzico di sale
– cannella (1 stecca o un cucchiaino abbondante)
– 80 gr di farina di cocco
– 100 gr di uvetta

In aggiunta, dopo cottura:
purea o marmellata di mele
2/3 cucchiaini di mandorle tostate

julegrød danese

Preparazione:
cucinare i fiocchi nell’acqua per circa 10 minuti. Aggiungere il latte, il sale e la cannella e mescolare a fiamma medio-bassa finché il grød non sarà cotto, stando attenti a non far attaccare il composto al fondo della pentola.
Il porridge dovrà essere cremoso, ma non liquido.
A cottura ultimata, suddividere le porzioni nelle ciotole e aggiungere le noci tostate e la purea di mele.
Al posto della purea di mele, per insaporire il tutto potete usare uno o due cucchiaini di marmellata di fragole o di bacche rosse.
Anche le dosi della cannella sono, in realtà, variabili a seconda dei gusti. Oltretutto, una spoverata di cannella e zucchero di canna sulle singole porzioni di grød secondo me è d’obbligo se si vuole un po’ di spirito natalizio in più.

E poi sedetevi, versatevi del caffè, prendetevela con calma fino all’ultimo cucchiaio.

pebernødder biscotti danesi di Natale

Pebernødder

Per chi è alla ricerca di ricette di biscotti natalizi, le opzioni in Scandinavia sono numerose e tutte all’insegna dei sapori speziati e dei profumi caldi.
I biscotti che vi consiglio di preparare sono stati l’esperimento del mio primo Natale al nord e hanno un nome inequivocabile: pebernødder ossia “noci di pepe”. Sono facilissimi da fare e sono perfetti da abbinare a una tazza di tè di Natale, per lasciare fuori il freddo e le corse pre e post vacanze.

Ingredienti:
– 80 gr di burro (meglio se salato)
– 225 gr di zucchero (io l’ho usato di canna)
– 1 uovo
– 1 dl di panna fresca
– 350 gr di farina (o un po’ di più, se necessario)
– 1/2 cucchiaino di bicarbonato
– 1 cucchiaino di cardamomo macinato
– 1/2 cucchiaino di pepe
– 1/2 cucchiaino di cannella in polvere

Preparazione:
Preriscaldare il forno a 225° C.
In una ciotola, mischiare la farina, il bicarbonato e il cardamomo.
In un’altra ciotola mischiare burro e zucchero finché non si ha un composto cremoso. Aggiungere l’uovo e continuare a mischiare. Aggiungere infine la panna e mescolare per bene il tutto.
Unire gli ingredienti secchi e impastare prima nella ciotola e poi su una superficie infarinata, finché non si otterrà una palla abbastanza liscia.
Dividere l’impasto in pezzi più piccoli e formare delle strisce di pasta spesse circa un dito. Tagliare l’impasto con un coltello in pezzi larghi circa 1 cm e mezzo.
Posizionare i pebernødder su una placca rivestita di carta da forno e cuocere per circa 10/12 minuti o finché i biscotti non cominciano a diventare dorati.

Lasciate raffreddare e, quando è ora di colazione, mettete una manciata di biscottini sul vostro piattino preferito e rilassatevi con il vostro libro preferito. È Natale, si può!

Per questa ricetta ho preso spunto dal sito My Danish Kitchen, dove ci sono una serie di informazioni utili sulla cucina danese. In realtà, ho aggiunto poi altre spezie presenti in altre ricette, anche perché fare i pebernødder senza un pizzico di pepe non mi sembrava avesse molto senso!
Posso anche dire con assoluta certezza che se mentre state impastando vi rendete conto di essere a corto di uova, il risultato sarà comunque ottimo. Provare per credere!
Se invece avete la fortuna di passare dalla Danimarca sotto le Feste, non dimenticatevi di entrare in un konditori, una pasticceria, o in un panificio per comprare un pacchetto di pebernødder già pronti da assaggiare.

Bastano come suggerimenti per una colazione di Natale dall’aria nordica? Provate e dateci il vostro parere!

 

Parla alla tua mente

*