Intervista a Stephanie e Federico gli altri finalisti di Bake Off Italia

Intervista a Stephanie e Federico di

Abbiamo sconfitto la nostalgia di Bake Off chiamando i due finalisti (insieme alla vincitrice Roberta) per capire da loro come stanno vivendo questi momenti post finale.

Cominciamo dalla nostra prediletta (non volercene Federico!): la splendida Stephanie .

torta foresta nera knam bake off

Ti abbiamo definita su Twitter “una di noi” per via del tuo sogno nel cassetto di aprire un b&b con tuo marito, ce lo racconti bene?

Questo sogno nasce dal fatto che mio marito è bravissimo a sciare e abbiamo passato il viaggio di nozze negli USA sciando e soggiornando in un bellissimo bed & breakfast. Ci è rimasto nel cuore, per la bellezza e l’accoglienza del posto; dopo lo sci ti coccolavano con due tavolini pieni di torte!

E’ un po’ questo il mio sogno aprire un b&b e creare momenti di vera accoglienza verso gli ospiti.

Qual è il dolce preferito della tua famiglia? Americano o italiano?

In realtà le mie bimbe non mangiano tantissimo di quello che preparo loro !! Ma se dovessi indicare un dolce che piace moltissimo a mio marito direi senz’altro i brownies.

E la tua colazione? Di che nazionalità è?

Dal lunedì al venerdì cornetto e cappuccino, mentre nel weekend l’accoppiata americana di pancakes and bacon croccante!

 

federico bake off

E ora eccoci con Federico, medaglia di bronzo di questo Bake Off, dato per super favorito data l’incredibile bravura e tecnica dimostrate nelle prove è invece “caduto” con una prova di piccola pasticceria.

Cosa farai ora Federico, il broker assicurativo come prima o il pasticcere?

Cercherò di fare il pasticcere, aprendo un laboratorio a Roma per sfogare la mia passione, a gennaio 2015.

Qual è la tua colazione al mattino?

Un bicchiere d’acqua a 30 gradi con un po’ di limone, poi dopo un’ora una spremuta di melograno, più tardi una centrifuga.

Che colazione salutare!

Avendo la passione dei dolci cerco di limitare i grassi insaturi di cui sono ricchi i dolci che si comprano, anche al bar.

Un’ultima domanda, odi il plum cake ora? ( ndr è la prova di piccola pasticceria in cui è stato eliminato)

No il plum cake è un dolce che preparo spesso, diciamo che odio i mini stampi da plum cake ora!

 

Speriamo di avere occasione di rincontrarli presto e di assaggiare le loro specialità!

 

Immagini di Real Time canale 31 dgtfree

 

 

Il meglio di Novembre

il meglio di novembre

Novembre è stato tutto caratterizzato da BakeOffItalia.  Il meglio di Novembre non è stata la finale a sbancare Il Colazionista, ma la torta mocaccina di Ernst Knam. E non dimentichiamo le interviste alla vincitrice del programma Roberta e a Stephanie e Federico, rispettivamente seconda e terzo sul podio.

Torta Mocaccina

Forse questa torta che non ha colori sgargianti, lavorazioni particolari o ingredienti esotici è sembrata abbordabile a molti e in tanti sono venuti a trovarci sul sito per leggere i nostri commenti e trovare la ricetta.

Torta Mocaccina di Esnst Knam (2)

 

Colazioni Americane

Benissimo anche la partenza dello speciale USA del nostro validissimo Giorgio Pugnetti aka Monsu barachin. Un vortice di curiosità e ricette, non vi sarete mica persi quella del banana bread del Thanksgiving Day ? Un viaggio fra i colori dell’America con un sguardo alla colazione.

STICKY_BUN_DEF1

Regali di Natale

Lo stampo Nordic Ware Heritage Bundt® Pan è entrato nella wish list di tutti noi, anche se il post 5 regali e 5 idee per Natale suggerimenti ne ha una valanga! Vi consigliamo di leggere il post tenendo a debita distanza la carta di credito.

stampo per ciambelle

 

#ilcolazionista – il contest

Ne “il meglio di Novembre” c’è sicuramente il contest su Instagram, seguite e votate i preferiti segnalati con #ilcolazionista da @ilcolazionista. L’Acqua di Cherasco messa in palio renderà speciale la casa di qualcuno, la produce un’amica de Il Colazionista e possiamo garantire che tutte le fragranze sono originali e speciali.

#colazioneil primo giveaway

Tenetevi forte perchè sta per iniziare il mese dell’anno dove la colazione in famiglia, al volo con gli amici, alla macchinetta con i colleghi è ancora più dolce e alla fine un regalino ci scappa sempre anche per la collega perfida o il cugino terribile, mai pensato di regalare biscotti?

Ricordatevi di @IlColazionista anche su Twitter !

 

La colazione è su Instagram: quattro profili intriganti

4 profili Instagram (6)

Per noi colazionisti Instagram vuol dire prima di tutto, colazione. Abbiamo creato un contest, andiamo alla ricerca forsennata di colazioni interessanti, belle, particolari, uniche. Ogni giorno, ogni mattina.

Oggi vi presentiamo tre profili molto, molto interessanti, a nostro parere.
Chi tra di voi frequenta Instagram probabilmente si sarà imbattuto in qualche loro scatto!

Ecco a voi la meraviglia che appaga gli occhi degli amanti del bello e degli spiriti “matematici” di ogni parte del pianeta: Symmetrybreakfast.
Quanto tempo impiegherà questa fanciulla per preparare le sue strabilianti e scenografiche colazioni? Non ci resta che domandarglielo. Probabilmente è la seconda cosa che viene in mente dopo “oooohhhhhh!!!”.

symmetrybreakfast.png ok

 

Untitled design (11)

 

A proposito di scenografia…Il secondo profilo che vi raccontiamo è quello di un’attrice: Camilla Filippi, in Instagram  kamillafilippi. Ogni giorno Camilla interpreta un personaggio diverso sempre (o quasi) a colazione. Provate a guardare le foto tutte insieme, una vicino all’altra: trasformazioni e atmosfere lasciano senza parole!

camilla filippi ok

 

Camilla Filippi

 

Il terzo è un profilo di cui abbiamo già parlato in un un nostro articolo. Lei è Ida Frosk, una vera e propria artista della colazione. Norvegese, oggi vive a Berlino e dichiara di mangiarsi sempre tutto quello che c’è nei piatti che crea e fotografa tanto amorevolmente! Per Ida il cibo è soprattutto divertimento e piacere – anche – per gli occhi!

ida frosk

 

Untitled design (13)

 

L’ultimo account che vi consigliamo di seguire è lei, Daryna Kossar, una visual artist che prende spunto dal cibo e poi crea immagini e composizioni minimali ma piene di colori e di energia. Celebri loghi e icone conosciute e famose in tutto il mondo vengono da lei ricostruite “golosamente”. Naturalmente non poteva mancare il simbolo di Instagram!

darynakossar

 

Allora, che ne pensate? Se ne avete altri da suggerirci, siamo curiosi.

Se poi volete cimentarvi nel fotografare la vostra colazione o volete inventarvi un Instagram breakfast trend, il nostro contest fa per voi!

Due chiacchiere con Roberta Liso, la vincitrice di Bake Off Italia

Intervista a Roberta

Per combattere la malinconia da finale di Bake Off Italia non c’è niente di meglio che parlare un po’ con la vincitrice del programma: Roberta Liso.

Roberta ha 22 anni, è di Foggia e si è imposta su Stephanie e Federico con un dolce di sua creazione durante l’ultima fase di gara. Si definisce competitiva, spiritosa, solare ed allegra, cerca di buttare sempre tutto sullo scherzo.

Noi l’abbiamo chiamata per farci raccontare qualcosa “a caldo” dopo il trionfo dell’altra sera su Real Time (canale 31 dtfree)

roberta-liso-vince-bake-off-italia-2

Una vittoria importantissima, un libro in cantiere… che effetto fa Roberta?

Un effetto bellissimo! Tanti complimenti, piaccio un po’ e questo non può che farmi piacere. Il libro poi è un’esperienza bellissima, un work in progress a oggi, che è sia divertente sia impegnativo.

Nel libro ci sono io, mi piace scrivere, ho cercato di mettere me stessa. Ma non avrei potuto fare tutto da sola, do merito anche a tutta la squadra di lavoro.

Qual è stata la prova, durante la trasmissione, che ti è piaciuta di più?

Durante Bake Off sicuramente la prova che mi ha maggiormente entusiasmata è quella della finale: il cavallo di battaglia. Un dolce di mia invenzione con consistenze diverse e sapori unici, scorzette candite, pan di spagna bagnato e disco croccante. In pratica un cocktail..ma in una torta!

bake off

Invece quella che hai più “odiato”?

La zuppa inglese..una crisi di nervi totale!

Che poi era la versione rivisitata del Maestro Knam, non una semplice zuppa inglese. La crisi è stata generale, ha coinvolto tutti quanti.

Il nostro sito si occupa di colazioni, quindi ti chiediamo… qual è la tua colazione quotidiana?

Io amo lo yogurt, lo mangerei anche ad ogni pasto. Lo faccio in casa, senza yogurtiera, col metodo del secchiello nel forno.

Autoproduzione pura.

Esatto, io non butto via neanche il siero che avanza, lo uso nell’impasto dei muffin!

Solo yogurt autoprodotto a colazione?

Allo yogurt abbino cereali croccanti o la granola fatta in casa  con un cucchiaino di marmellata alla ciliegia e rabarbaro. Un accostamento delizioso e da provare!

Ci suggerisci una ricetta solo per noi?

Vi suggerisco di provare a fare in casa la confettura di fichi con vaniglia e cacao. Utilizzate ingredienti buoni, non la vaniglia sintetica e dell’ottimo cacao amaro in polvere.

E’ una delizia, sembra crema spalmabile, ma è a base di frutta.

Bake-Off-Italia-2014-Maria-Chiara-

Un’ultima domanda Roberta: con quale concorrente apriresti una pasticceria domani?

Con Maria Chiara, siamo buone amiche e la considero un’ottima pasticcera. Lei sa fare dell’ottimo cake design, mentre io amo molto lavorare con il cioccolato. In pratica ci completiamo a vicenda.

Ho mentito Roberta, ho ancora un’ultimissima domanda: panettone o pandoro?

Panettone tutta la vita! Avrete anche una sorpresa nel libro su questo.. ma non svelo di più!

 

Immagini Real Time (canale 31 dtfree)

 

 

Finale col botto a Bake Off Italia

Finalissima di Bake Off con Buddy

Ci siamo: è la finale.

E’ finita la trasmissione più dolce della tv. Bake Off anche quest’anno ci ha portato lievito, zucchero, farina e tantissima voglia di cucinare dolci meravigliosi, sfidando le ire di Maestro Knam.

E’ stata una puntata finale ricchissima, dai 16 concorrenti di partenza siamo arrivati ai 3 finalisti: Federico, Stephanie e Roberta.

Si sono contesi il titolo di “miglior pasticcere amatoriale d’Italia” con una prova tecnica creativa molto complessa, la piccola pasticceria. E qui, a sorpresa, il romano Federico ha perso la possibilità di disputare la finale.

3 finalisti bake off

E’ caduto sui mini plum cake, e ha odiato profondamente gli stampini monoporzione.

Finalissima in rosa dunque, tra l’americana Stephanie e la pugliesissima Roberta.

Ad accoglierle al traguardo l’ospite più atteso di sempre: Buddy Valastro, l’amatissimo Boss delle torte.

La prova tecnica ha visto le due pasticcere confrontarsi con un dolce complicatissimo di Knam “semplicemente dolce” ..semplice solo nel nome e non nella complicatissima preparazione.

torta knam

INGREDIENTI

Per la marquise al cioccolato e arancia
70 g tuorli
90 g zucchero a velo
150 g albumi
60 g cacao in polvere
Scorza di 1 arancia
20 g fecola di patate

Per il confit d’arancia
30 g burro
150 g zucchero di canna
20 g glucosio
70 g spremuta d’arancia
250 g filetti di arancia pelata a vivo
30 ml distillato alle arance
3 fogli di gelatina

Per il cake all’arancia
250 g marzapane senza zucchero
6 tuorli
4120 g albume
40 ml spremuta d’arancia
Scorza di ½ arancia grattugiata
50 g arancia candita
40 g zucchero semolato
10 g glucosio
25 g maizena
50 g burro fuso
Sale qb

Per la bagna
100 ml distillato alle arance
100 ml spremuta d’arancio
30 g zucchero
Per il feuilletine alla vaniglia
50 g cioccolato al latte
150 g pralinato
40 g burro
80 g feuilletine
1 stecca di vaniglia

Per la ganache all’arancia
100 g panna
100 g spremuta di arancia
scorza di 1 arancia
50 g zucchero
75 g tuorli
250 g cioccolato
100 g burro

Per la mousse al cioccolato
100 g cioccolato
150 g cioccolato al latte
500 g panna montata 33%
30 g distillato nocciola

Per la composizione finale
Pepe di tasmania qb

Per la cialda all’arancia
200 g zucchero a velo
75 g succo di arancia
75 g burro fuso
1 g sale
2 g peperoncino
3 g scorza d’arancia
50 g farina 00

Per la decorazione
Burro di cacao arancione qb

PROCEDIMENTO
Per la marquise al cioccolato e arancia
Montare i tuorli 70 g zucchero a velo. Montare gli albumi con 20 gr di zucchero a velo. Unire i due composti e aggiungere il cacao e la fecola setacciati e la scorza di arancia grattugiata. Stendere la massa ottenuta sulla placca del forno ricoperta di carta forno. Cuocere in forno a 220° C per circa 12 minuti. Ritagliare con il coppa pasta 4 dischi (spessore 3 mm).

Per il confit d’arancia
Caramellare burro e zucchero di canna. Unire il glucosio, la spremuta e i filetti di arancia sbucciata e tagliata a vivo e il distillato di arance. Far ridurre il tutto e, infine, legare con la gelatina. Far raffreddare.

Per il cake all’arancia
Lavorare a mano il marzapane con i tuorli, la spremuta d’arancia, l’albume (40gr), la scorza e le arance candite e il glucosio. Montare a neve i rimanenti albumi (80gr), con lo zucchero. Unire gli albumi montati al composto di marzapane, insieme con la maizena, il burro fuso e il sale. Versare il composto nella teglia e cuocere a 180° per 25/30 minuti. Ritagliare con il coppa pasta 4 dischi, mantenendo per ciascuno uno spessore non superiore a 1 cm.

Per la bagna
Far bollire tutti gli ingredienti per circa 3 minuti e fare raffreddare.

Per il feuilletine alla vaniglia
Mescolare tutti gli ingredienti. Distribuire il composto ottenuto in un vassoio rettangolare. Fare raffreddare il composto. Ritagliare il mix di feuilletine con il coppa pasta, ottenendo dei dischi.

Per la ganache all’arancia
Far bollire la panna, la spremuta e la scorza d’arancia. Unire lo zucchero e i tuorli, precedentemente lavorati insieme. Infine aggiungere il cioccolato e il burro, amalgamando fino ad ottenere una ganache liscia e omogenea.

Per la mousse cioccolato
Montare la panna. Sciogliere i cioccolati e unire la panna montata con il distillato di nocciola fino ad ottenere una mousse cremosa.

Per la composizione finale
Foderare con i fogli di acetato gli stampi e riempirli con con 1/3 della mousse (riempire 4 stampi).
Inserire per prima cosa il confit d’arancia, poi la ganache e poi il disco di feuilletine alla vaniglia.
Mettere nuovamente la mousse, il pepe di tasmania, il cake d’arancio bagnato con il distillato e ancora uno strato di mousse. Chiudere con la marquise, di spessore 3 mm. Fare refrigerare il dolce nell’abbattitore a – 20 gradi, per circa 30 minuti.

Per la cialda
Mescolare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo, stenderlo sul un tappeto in silicone e cuocere per 6-7 minuti a 170° C.

Per la decorazione
Quando il dolce è pronto, toglierlo dallo stampo e spruzzarlo con il burro di cacao arancione. Spezzare la cialda e infilare un pezzo su ciascun dolce. Servire 4 monoporzioni.

finale bake off

 

Alla fine le due contendenti si sono confrontate sul dolce che rappresenta il loro cavallo di battaglia, con l’aiuto “manuale” del super Boss delle torte.

Vince Roberta con un dolce di sua invenzione, al profumo di frutta e diverse consistenze. Coraggioso, e in questo la sua creatività l’ha ripagata in pieno.

Ma davvero è già finito Bake Off?

 

 

 

Ricetta e immagini Real time