A Genova, Panarello è la colazione

panarello

E’ scomodo.

Non ci sono tavolini, né sedie. Si sta in piedi e l’ambiente non è particolarmente confortevole, ma ci si va ugualmente.

 Panarello

E’ Panarello, nella sede di Genova di via Galata 67 . Ci si va per fare colazione con le panarelline, ripiene di zabaione (sì sì) o senza farcitura. Ci sono anche le classiche torte Regina e Panarello, i biscotti del Lagaccio e molto altro in vendita.

panarello

Ma noi ci siamo mangiati una panarellina allo zabaione e un cannoncino, con caffè. Caffè in tazzina griffata dalla storica P, buono come i dolci che lo accompagnavano. Non è una colazione leggera, e nemmeno facilmente digeribile. Ma ogni tanto, s’à da fà.

Chiudete gli occhi sulle briciole intorno a voi, la ressa delle persone e la scomodità del trespolo senza sedie. Tenetevi la borsa a tracolla e addentate, poi passa tutto.

Immagini: Beautiful sweet obsession

 

Panarello 

via Galata 67

Genova

Servizio: sufficiente

Ambiente: poco gradevole

Caffè e panarellina: 2,90 euro.

 

 

Una colazione leggera e sostenibile a Torino a due passi dal Po

Uova e pane tostato con succo di mela

 

 

Una colazione leggera e sostenibile a Torino, a due passi dal Po. Cosa significa? Pariamo dalla tazza  in cui sto per bere uno squisito cappuccino di riso: c’è scritto “leggero come un sospiro”. Ed è proprio ciò di cui avevo bisogno quella mattina, una frase che suonasse come un buongiorno.

Alla “Locanda Leggera” tutto è come una nuvola.

Lieve piacevole, a partire dai colori e dalla grafica: un bel blu cielo e un arancio caldo. Il locale è luminoso con una grande vetrata che da su via Napione a due passi dal Po.
Mi attrae subito il bancone: dietro il vetro tantissime bontà, tutte descritte minuziosamente su cartellini arancioni. Ci sono tanti tipi di brioches e croissants, biscotti e muffins, brownies e crostatine. Ma la cosa più bella, alzando lo sguardo è curiosare e perdersi tra i contenitori di vetro tutti uguali che contengono spezie, tisane, frutta secca…tutto sfuso.

 

Il bancone della Locanda Leggera

Il bancone della Locanda Leggera

 

La filosofia del locale è proprio questa: tutto è rigorosamente non confezionato, dal cibo alle bevande, dall’acqua in bottiglia presente su ogni tavolo nella deliziosa bottiglia di vetro. “Noi crediamo nell’acqua pubblica” – recita una scritta sul bel menù – e se ti va puoi averla microfiltrata, naturale o gassata.

Scegliere la colazione non è stato facile, è ricca e originale. Si può per esempio optare per un uovo strapazzato che viene servito con due fette di pane grigliato (al costo di due euro). Ma ci sono anche i pancakes, o il bicchierino di seirass (una ricotta di montagna che può essere abbinata al miele, per esempio).

La caffetteria contempla latti alternativi, ma offre anche la classica e confortevole “scodella di caffelatte”. I succhi di mela e di frutta così come i te sono bene in vista sul bancone in grossi termos accanto al vassoio dei muffins.

La gentilezza di chi ci ha servito spiegandoci per bene tutte le prelibatezze, il servizio di “cestino per il pranzo” take away, il fasciatoio per cambiare i bimbi in bagno, l’asciugamani ad aria calda per non sprecare carta o acqua per il lavaggio in lavatrice della biancheria…tante piccole grandi attenzioni che mi hanno convinto.

 

Leggero come un sospiro

Leggero come un sospiro

 

E’ un posto perfetto per fare colazione. La pulizia del locale è impeccabile e c’è anche una piccola libreria a disposizione dei clienti. Il giorno che ci sono stata, su ogni tavolino c’era una piantina aromatica graziosamente confezionata in carta da pane.

I prezzi sono molto onesti. Per esempio, l’uovo strapazzato e le fette di pane costano 1 euro e 50; il cappuccino di riso idem. I muffins piccoli costano un euro, la scodella di latte 1 euro e 50 e con un euro in più può essere “personalizzata” con l’aggiunta di cereali o frutta secca.

 

Locanda Leggera
via Giovanni Francesco Napione, 32, 10124 Torino

Servizio: molto buono
Ambiente: molto gradevole
Prezzo: cappuccino di riso e piccolo muffin vegano 3,50 euro

Colazione da IKEA a Torino

Cornetti bio di Ikea

 

Fare colazione con un euro: possibile? Sì, naturalmente solo e soltanto all’Ikea.

Se arrivi prima delle 11 e hai la tessera “Ikea family”. Solo se sei in possesso di tutti questi requisiti, puoi fare colazione con un solo euro. Com’è questa colazione miracolosamente economica? Semplicemente nella media. Non è pessima né sublime, ma potrebbe essere tutto ciò di cui hai bisogno quando devi affrontare misure, calcoli e conti, provare la comodità di un divano “Ektorp” o di una poltrona “Pello” cercando di soprassedere sulle candele e i biscotti alla cannella (e tutto questo in meno di tre ore).

Quando hai già in mano la borsa gialla, la matitina e il metro di carta puoi sederti e concederti una breve colazione vicino alle grandi vetrate, sugli alti sgabelli; oppure accomodarti sotto i lampadoni di design e sorseggiare il tuo caffè. Il caffè –  appunto – è Lavazza. Buono e molto caldo, così come il cappuccino. Il croissant è a scelta tra quello vuoto, alla marmellata o al cioccolato. E’ morbido con granella di zucchero. Non è di pasticceria, certo, ma pare sia biologico e questo ci fa sentire meglio, no?

 

Ikea Café

Ikea Café

 

Il personale è veloce ma gentile. Sorridono poco ma li capiamo.

Allo stesso costo di un euro si può scegliere, in alternativa al caffè, il cappuccino. Mentre per tutte le altre golosità, svedesi e non, si pagano i 2,50 euro circa per una fetta di torta e 1,50 euro per dolcetti vari, tutti molto colorati.
Io ho preso un caffè e un croissant e ho cominciato il mio giro all’Ikea sentendomi coccolata e meno critica del solito nei confronti della mia colazione (e della ressa). Forse è questo il trucco e io ci sono cascata!

 

Cornetto e caffè: colazione all'Ikea

Cornetto e caffè: colazione all’Ikea

 

 

IKEA Torino viale Svezia 1, 10093 Collegno (TO)

 

Servizio: suffciente
Ambiente: gradevole
Prezzo: caffé o cappuccino e brioche, 1 euro