Best brunch in Turin: HOME Veg & Tea

Best brunch in Turin: HOME Veg & Tea

Il Dorainpoi cambia faccia e diventa Home Veg & Tea.
Globetrotter lo era già prima, adesso è anche vegetariano e vegano, conservando qualcuno dei suoi cavalli di battaglia convertiti al sapore veg.

HOME1
Il sabato, ma da novembre anche la domenica, un Brunch Up to you con musica dal vivo e un menù a scelta tra quattro, un bicchiere di vino (prosecco, barbera,…) o un centrifugato (arancio, carota, zenzero, …), una bevanda calda (caffè espresso, americano, tisana, tè) e una fetta di torta (vegana o raw).

HOME3I quattro menù sono un po’ un giro del mondo che parte in città da Porta Palazzo (quello del menù Gran Torino con Ravioli (ripieni di verdure e zenzero) al tovagliolo e insalata con verde di stagione, zucca e uovo poché) per fare tappa a Parigi (Toast crasto con verdure grigliate, chips e Raschera, patate al forno e insalata chiareuse con verdure di stagione e avocado), fino a Muscat (Riso Pam con basmati, riso rosso, curry, ceci, zenzero, uva sultanina e Hummus & Chips) e San Francisco (Insalata della Salute e Tempeh Burger).HOME4HOME3bisImpiattamenti curati, sapori buoni ma forse un po’ troppo attenuati e poco contrastati.
Ad esempio il Crasto Toast avrebbe bisogno di una marcia in più, un po’ sciapo con soli verdure e formaggio.
La musica di sottofondo suonata dal vivo è suggestiva ma anche la luminosissima serra urbana in ferro e vetro a bordo strada offre una tranquillità non trascurabile.
HOME2Il costo? Quello lo decidete voi.
Home vi chiede lo sforzo di dare voi il (giusto) valore a quello di cui avete goduto perché come leggiamo sulla loro pagina FB: voi potrete decidere con il cuore e con la pancia quanto valore dare all’esperienza vissuta. Perché pensiamo che sia bello, ricominciare a dare il giusto valore alle cose.”

HOME5Io ho deciso di pagare 20 euro.
Quando lo proverete, fateci sapere anche voi quale valore darete al vostro Brunch Up to You.

Giorgio Pugnetti Circa Giorgio Pugnetti

Abito in provincia ma non riesco a stare più di due giorni lontano da Torino dove mi travesto da Monsu Barachin per provare e fotografare nuove pause pranzo.

Adoro viaggiare ma ancora di più le guide di viaggio: vorrei andare almeno una volta all'anno in Giappone, Londra, Napoli, NYC e in Sicilia ma mi accontento anche solo una di queste mete.

Complice mia moglie, amo fare la spesa saccheggiando mercati, supermercati e negozietti; l'importante è arrivare a casa sempre con qualcosa (di alimentare e a km 0) appena acquistato.

Parla alla tua mente

*