A Parigi non si può non andare da le Blé sucré

Un viaggio a Parigi, per tutti la città dell’amore, della Tour Eiffel, della Senna… per noi Colazionisti anche la città delle panetterie da urlo, meravigliose con i pani fragranti da inforcare sotto braccio e smozzicare passeggiando.

blé sucré parigi

 

Il paradiso per le colazioni, nella patria del burro e del croissant. Non si poteva attendere oltre, per andare a un indirizzo conosciuto eppure non ancora preso d’assalto: le Blé sucré.

Boulangerie moderna, luminosa e accogliente, è la casa dello chef pasticciere Fabrice Le Bourdat.

blè sucrè 4

 

Imperdibili i pain au chocolat, quelli all’uvetta e i croissant. Il significato di sfoglia al burro arriverà al massimo della comprensione umana. Il caffè é facilmente dimenticabile, di fronte a queste bontà.

Pochi tavolini fuori, coda dentro. Non fa nulla, si perdona tutto, mangiando.

Ho anche un simpatico aneddoto per concludere la mia visita in questo bel posto: ho chiesto il permesso di fare fotografie, mi è stato accordato. Mentre scattavo, un simpatico signore sulla sessantina mi ha apostrofato in francese con un secco ” Ha chiesto il permesso?” Era un cliente, non il proprietario.

Adoro il clima di ospitalità parigino, anche se di più i pain au chocolat.

 

 

Blé Sucré

Rue Vollon 7, Paris

 

Servizio: buono

Ambiente: gradevole

Prezzo: pain au chocolat e caffé au lait circa 5 euro

 

 

Federica Circa Federica

Federica Gemma, ha un gatto bianco, un marito genovese e vive a Novara. Ha scritto per diversi blog e collabora con il portale Ehabitat. Ama mangiare, scoprire posti nuovi e creare dolci. Tra le sue passioni i programmi tv sul cibo, le cotture in forno, la Finlandia e gli avanzi del giorno dopo.

Parla alla tua mente

*